Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Sud America?
0 1
Libri Moderni

Manzini, Antonio <1964->

Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Sud America?

Abstract: Dopo Vecchie conoscenze e Le ossa parlano, il vicequestore Rocco Schiavone è in missione non ufficiale a migliaia di chilometri dalla sua odiata Aosta, con il vecchio amico Brizio. Vogliono ritrovare Furio, l’altro compagno di una vita, scomparso tra Buenos Aires, Messico e Costa Rica. Furio, da parte sua, si è lanciato a rotta di collo sulle tracce di Sebastiano, il quarto del gruppo, scappato in Sud America per sfuggire ad una colpa tremenda e alla conseguente punizione. L’antefatto è lontano nel tempo e ha squassato le vite di tutti loro. E adesso Rocco e Brizio devono impedire «la pazzia» di Furio, ma vogliono anche capire i perché di Seba, quali sono stati i motivi profondi di quel tradimento orribile con cui Rocco ha già provato a fare i conti, in modo da poter dare l’addio come si deve a un’amicizia vecchia quanto loro. La ricerca appare vana, perché il continente è immenso e chi scappa lascia solo labili indizi, sospeso in realtà tra scomparire e voglia di spiegarsi o di espiare. Il vicequestore, da fine investigatore, sa bene come armare una caccia spericolata, e Brizio è abbastanza svelto di mano da spalleggiarlo adeguatamente. In questo miscuglio di thriller e psicologia, è inevitabile che nella mente di Rocco si affollino i tanti ricordi di un’infanzia con la banda a Trastevere, quel piccolo mondo dove solo un fortunato caso ha deciso che Schiavone sia diventato un poliziotto e non un «bandito», una guardia e non un ladro, al pari dei suoi inseparabili compari, uniti in un’amicizia che non c’è più, distrutta dal tempo, dal destino o forse solo da appetiti personali. Ritrovare Sebastiano misteriosamente scomparso in Sud America sarà forse possibile. Impossibile ritrovare l’amico.


Titolo e contributi: Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Sud America? / Antonio Manzini

Pubblicazione: Palermo : Sellerio, 2023

Descrizione fisica: 145 p. ; 17 cm

Serie: La memoria ; 1288

ISBN: 8838946035

EAN: 9788838946035

Data:2023

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: La memoria ; 1288

Nomi: (Autore)

Soggetti:

Classi: 853.92 NARRATIVA ITALIANA. 2000- (0) Genere: Poliziesco Genere: Racconti seriali e saghe

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2023
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 21 copie, di cui 13 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Santa Maria a Monte 853.92 MANZ riu 0100-22209 In prestito 05/06/2024
Chianni 853.92 MAN 0130-7326 Su scaffale Disponibile
Pontedera, Giovanni Gronchi GIALLO 853 MAN riu 0010-89016 In prestito 14/06/2024
San Miniato, Mario Luzi NAD 853.92 MAN SCH XIII SM038-66810 Su scaffale Disponibile
Vicopisano 853 MANA 21 0030-31405 In prestito 27/05/2024
Vicopisano 853 MANA 21a 0030-31436 Su scaffale Prestito locale
Volterra 808.838 72 MAN 0150-21004 In prestito 20/06/2024
Peccioli, Fonte Mazzola G 853.92 MAN 0210-11286 In prestito 29/06/2024
Cascina 853.92 MAN 0020-34219 In prestito
Lajatico 853 MAN 0370-3918 In prestito
Pisa SMS 850 MANZINI riu 0250-89841 In prestito 21/06/2024
Cascina 853.92 MAN 0020-34262 In prestito 07/06/2024
Capannoli 853.92 MAN 0060-9732 Su scaffale Disponibile
Pomarance 853.92 MAN 0140-14535 In prestito 07/05/2024
Crespina Narrativa adulti 853.92 MAN 8 0090-408160 In prestito 17/06/2024
Pomarance 853.92 MAN 2 0140-14560 In prestito 20/05/2024
Calci 853 MANA 12 0200-15311 In prestito 03/06/2024
Ponsacco 853.92 MAN RIU 0110-25060 In prestito 17/06/2024
San Giuliano Terme 853 MANA 14 0040-29389 Su scaffale Disponibile
Terricciola 853.92 MAN 0220-17093 Su scaffale Disponibile
Castelnuovo Val di Cecina 853.92 MAN RIU 0240-3763 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

In un film di Ettore Scola del 1968, Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa? - di cui il titolo del nuovo libro di Manzini, sempre edito da Sellerio, è un esplicito omaggio - un incredulo Alberto Sordi, partito in missione per ritrovare il cognato perduto, rimane interdetto quando scopre che il parente è diventato un rispettatissimo capo tribù in Africa.

Rocco Schiavone non sa chi troverà una volta atterrato in Sud America. Lui che parte con Brizio alla ricerca di Furio a sua volta scomparso per ritrovare Sebastiano. Un cane a tre teste che si morde la coda. Ma forse il vicequestore lasciando Aosta nasconde dentro di sé una speranza inespressa. Farsi stupire dall’incontro con una persona nuova, irriconoscibile. Qualcuno con cui poter facilmente fingere che il passato non sia mai esistito.

La facciata burbera di Rocco infatti solo in apparenza non tradisce alcuna emozione. Il dolore inflittogli dall’amico è troppo ingombrante, mal celato dalla coperta troppo corta dell’indifferenza.

"Sebastiano doveva trasformarsi in un’ombra, una velatura nel mondo dei ricordi per dissolversi con gli anni fino a trasformarsi in fumo, un filo grigio e sottile che si sarebbe confuso con l’aria e col cielo"

Chi conosce Rocco Schiavone però lo sa. Augurarsi che l’amico Sebastiano - rivelatosi complice dell’assassinio della moglie - si trasformi in fumo, più che un augurio sinistro, appare un desiderio malinconico. Sì, perché se chiedessero a chiunque di ritrarre il vicequestore, sarebbe sacrilego dimenticarsi di disegnare una sigaretta tra le dita. Un prolungamento irrinunciabile del suo arto. Il fumo, quel filo grigio sottile, lo accompagna ovunque, e da sempre. Sebastiano potrebbe trasformarsi in qualsiasi cosa ora che sembra aver perso ogni contorno ai suoi occhi, eppure il desiderio è che diventi fumo. Un’altra ombra accanto a Rocco. Lui che negli anni i dialoghi più belli li ha riservati a quella della moglie defunta, Marina.
Forse Rocco allora aspira ad avere un altro interlocutore evanescente. Uno a cui, nonostante tutto, sa di poter riservare le parole più vere.

Antonio Manzini torna con un racconto di viaggio. Un’avventura on the road che se da una parte potrebbe rappresentare il tanto atteso turning point nelle vicende del vicequestore, dall’altra lascia ancora, inevitabilmente, una fessura aperta al passato. Mentre Rocco, spalleggiato da Brizio, va alla ricerca di Seba, la sua mente si infesta di ricordi. Immagini di dodicenni che affrontano la primavera, stagionale e adolescenziale, tra le stradine di Trastevere. Diapositive candide nella loro famelica birbanteria, che stridono con quella «nebulosa di richieste, favori, soldi, scambi, riciclaggi, armi, eroina, cocaina, morti ammazzati, bombe» che si aleggia come uno sparviero sulle calles sudamericane. Se la ricerca di Seba, attiva e concreta, si realizza nel presente, a Rocco risulta più facile ridisegnarne i tratti nel passato. Come un nostalgico che rifiuta il fallimento di una relazione, consolandosi con attimi così distanti da sembrare ingannevoli. Tanto che vien quasi il dubbio che la sua sia in realtà una caccia alle streghe. Non tanto perché priva di un fondamento razionale, quanto piuttosto perché al vicequestore risulta ancora difficile percepire Sebastiano come un nemico pericoloso, vanificandone così la ricerca.

Si sorride nell’ultimo rocambolesco episodio di Schiavone, complice il pasticcio linguistico che spazia dallo spagnolo al romanesco, l’allergia di Rocco ai viaggi in aereo e le atmosfere picaresche perfette per la combriccola trasteverina alle prese con malavitosi messicani. Per citare ancora Scola, «E se eravamo in tre te menavamo in tre.»

Si sorride, ma non si ride. Perché a Rocco Schiavone il lettore ormai vuole bene, e ne riconosce l’umore, percependo un impotente senso di smarrimento. L’indecisione che lascia ostinatamente aperto uno spiraglio, l’incredulità che ancora ne destabilizza i passi, facendolo giocare in sordina e di soppiatto, nascondendo con il disincanto il disperato desiderio di un ennesimo colpo di scena.

"Fumò dieci sigarette. Ma non fu il fumo a fargli cadere qualche lacrima..."

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.