Le notti della peste
0 1
Libri Moderni

Pamuk, Orhan

Le notti della peste

Abstract: 1901. La peste dilaga sull'isola di Mingher e l'uomo chiamato a fermarla viene ucciso in circostanze misteriose. Nel destino di quella piccola isola e dei suoi abitanti Orhan Pamuk ha ricreato un mondo, parlando al nostro presente con una forza e un'intensità che sono quelle della grande letteratura. Nell'aprile del 1901 un piroscafo si avvicina silenzioso all'isola di Mingher, «perla del Mediterraneo orientale». Dall'imbarcazione scendono due persone: il dottor Bonkowski - il maggior specialista di malattie infettive dell'Impero ottomano - e il suo assistente. Bonkowski è lì per conto del sultano: deve indagare su un nemico invisibile ma mortale, che rischia di mettere in ginocchio un Impero già da molti definito il «grande malato d'Europa» e innescare così una reazione a catena nei delicatissimi equilibri continentali. Sull'isola di Mingher, si dice, c'è la peste. Il morbo viene rapidamente confermato, ma imporre le corrette misure sanitarie rappresenta la vera sfida, soprattutto quando le esigenze della scienza e della medicina più nuova si scontrano con le credenze religiose. In quest'isola multiculturale dove musulmani e cristiani ortodossi cercano di convivere pacificamente, la malattia funge da acceleratore delle tensioni sociali e non solo: poco dopo aver parlato con il governatore e chiesto che venga imposta la quarantena, il corpo del dottor Bonkowski viene trovato senza vita in un vicolo. In un drammatico crescendo la peste dilaga, spingendo le autorità a rafforzare le misure di contenimento: queste però aumentano le frizioni tra le varie identità dell'isola (e dell'Impero), tra chi le asseconda e chi nega l'esistenza stessa della malattia, o l'efficacia della quarantena, gettando la comunità nelle tenebre di una notte non soltanto sanitaria. "Le notti della peste" è un'opera-mondo grandiosa, universale, attraversata da echi di Tolstoj, di Manzoni, del Conrad di Nostromo, di Camus. Romanzo storico e allegorico (tra le righe si legge la deriva di ogni nazionalismo verso l'autocrazia dell'uomo forte), brulicante di personaggi e di storie, di guerre, amori e immortali tensioni etiche. In cui il particolare - le esistenze dei singoli individui travolti dalla Storia - si apre all'universale - il rapporto tra paura e potere, tra vita e destini generali, tra fede e ragione, tra modernità e tradizione.


Titolo e contributi: Le notti della peste / Orhan Pamuk ; traduzione di Barbara La Rosa Salim

Pubblicazione: Torino : Einaudi, 2022

Descrizione fisica: 713 p., [1] carta di tav. : ill. ; 23 cm

ISBN: 9788806251697

EAN: 9788806251697

Data:2022

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Opera:

Nomi: (Illustratore) (Traduttore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 894.3533 Allegorico <genere fiction> (0) Storico <genere fiction> (0)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2022
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 9 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Lari na 894 PAM 2 0070-17359 Su scaffale Disponibile
San Miniato, Mario Luzi NAD 894.353 3 PAM NOT SM038-64714 Su scaffale Disponibile
Pontedera, Giovanni Gronchi NARRATIVA 894.35 PAM not 0010-86030 Su scaffale Disponibile
Cascina 894.353 3 PAM 0020-32933 Su scaffale Disponibile
Ponsacco 894.35 PAM not 0110-23436 Su scaffale Disponibile
Buti 894.3533 PAM 0190-13478 Su scaffale Disponibile
Cascina 894.353 3 PAM 0020-33214 Su scaffale Disponibile
Volterra 894.353 3 PAM 0150-20848 Su scaffale Disponibile
Peccioli, Fonte Mazzola 894.35 PAM 0210-10591 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

“L’arte del romanzo si basa sulla capacità di raccontare le nostre storie come se appartenessero ad altri, e di raccontare le storie degli altri come se fossero le nostre”.

Questo si legge nelle prime pagine del nuovo romanzo di Orhan Pamuk, Premio Nobel per la Letteratura nel 2006, nella prefazione “fittizia” al romanzo. Le notti della peste si tratta infatti di uno di quei casi di metaletteratura in cui quello che il lettore ha tra le mani appare come il libro scritto da qualcuno che non è direttamente l’autore, ma in questo caso dalla studiosa Mina di Mingher, in cui lei, nella forma del romanzo, ricostruisce quanto è accaduto nell’omonima isola, a partire dal 1901 attraverso le centotredici lettere inviate dalla principessa Pakize di Instabul alla sorella. Non siamo nuovi a questo espediente che ha precedenti illustri, e che Pamuk omaggia in esergo con la frase di Manzoni: “Nessuno scrittore d’epoca posteriore s’è proposto d’esaminare e di confrontare quelle memorie, per ritrarne una serie concatenata degli avvenimenti, una storia di quella peste” e con una di Tolstoj.

E sembra davvero uno di quei casi, quello di Pamuk con questa sua nuova fatica, in cui la sensibilità del romanziere coglie, in anticipo rispetto ai tempi, uno Zeitgeist. Il perché è presto detto: Le notti della peste racconta cos’è successo nell’isola di Mingher sperduta nel Mediterraneo quando viene colpita da una grande pandemia. E Pamuk scrive questo libro prima che il covid irrompa nelle nostre vite.

Quando all’Università di Padova, in occasione della sua Nobel Lecture Telmo Pievani gli chiedeva ragione della scelta, e del vincolo che s’era posto nel far questo (raccontare la storia di una ben precisa isola, cioè, ancorché inventata) Pamuk non aveva dubbi.

Raccontava di aver avuto con il romanzo Neve una serie di detrattori che lo accusavano di non avere ricostruito bene i fatti storici del luogo in cui era ambientata la storia, una città della parte nordorientale della Turchia, quando l’intento era invece per lui quello di raccontare l’ascesa dell’Islam in quelle zone, e perciò si è indirizzato, nel romanzo nuovo, verso un luogo immaginario che potesse unire letteratura e geografia.

Un luogo, come spesso accade ai romanzieri, che si materializza sulla carta (nella fattispecie proprio disegnato in forma di mappa) attraverso un processo ricorsivo di sogno, ricerca e scrittura e che è quindi immaginario ma fatto di dettagli reali. L’ha costruita passo passo, la sua isola, Pamuk: contando i passi, le distanze e riportandoli nel disegno (una mappa apre il libro, fisicamente) che è quindi un’isola ideale, ha spiegato, ma non tanto utopica, alla Thomas Moore, quanto piuttosto distopica.

Lì, nel romanzo, scoppia un’epidemia di peste bubbonica e per varie ragioni lo spazio viene chiuso e confinato ed è pervaso da un sentimento di isolamento. Ci è tutto molto familiare, eppure Pamuk spiega, da accorto romanziere, che i tempi della vita sulla terra sono troppo veloci perché lo scrittore possa starci dietro ed ecco perché questo suo libro deriva da un’intuizione, non dalla rincorsa del presente. L’idea gli era venuta inizialmente parecchi anni fa seguendo il desiderio di raccontare la peste che aveva colpito l’Impero ottomano e per dare la sua versione di come gli Ottomani, in un certo qual modo, fossero sempre stati visti come fatalisti a questo riguardo, quasi che tutto ciò che accadeva fosse mandato da Dio e questo bastasse loro per lasciare che accadesse. Ripresa l’idea in mano molto più tardi, scrivere della peste diventava anche un modo allegorico per riferirsi al governo turco di Erdogan. Aveva esempi di grandi davanti agli occhi: Camus, Defoe e Manzoni, ma, diversamente da loro, che raccontavano della peste senza esserci mai dentro fino in fondo, quello che è accaduto a lui è stato di avere la possibilità di confrontarsi, nell'esperienza reale, con quel senso di contenimento e la necessità di far fronte al morbo di cui avrebbe comunque dovuto raccontare nel libro.

Nulla di profetico, secondo Pamuk, perché si tratta di un evento statisticamente possibile. E in quanto narratore, poi, quello che ha messo sulle pagine è un romanzo, che per quanto allegorico, racconta una storia (e nella fattispecie, qui, a muovere i fatti è la morte misteriosa del più grande infettivologo del Paese). I romanzieri ben hanno in mente quale sia il compito cui sono chiamati e Pamuk lo fa dire nella prefazione alla studiosa che, nella finzione ha scritto il romanzo.

“Così, ogni volta che cominciavo a sentirmi come la figlia di un sultano, come una principessa, sapevo nel profondo che stavo facendo quello che un romanziere dovrebbe fare. Più difficile è stato entrare in sintonia con gli uomini in posizioni di potere, con i pascià e i medici che decidevano le misure di quarantena e sovrintendevano alla lotta contro la peste.

Se un romanzo deve superare, nello spirito e nella forma, l’orizzonte del singolo individuo, e tendere a un tipo di storia che abbracci le vite di tutti, è preferibile che sia narrato da molti punti di vista diversi. D’altra parte, sono d’accordo con il più femminile dei romanzieri maschi, il grande Henry James, secondo cui, perché. un romanzo sia veramente convincente, ogni particolare e ogni evento devono disporsi intorno alla prospettiva di un singolo personaggio.

Tuttavia, poiché allo stesso tempo ho scritto un libro di storia, ho spesso derogato alla regola del “punto di vista unico” e l’ho talvolta infranta. Ho interrotto scene toccanti per fornire al lettore fatti e cifre, oppure la storia delle istituzioni governative. Subito dopo aver descritto i sentimenti più intimi di un personaggio, sono passata rapidamente ai pensieri di un altro del tutto diverso, anche quando non c’era alcuna possibilità che il primo dei due ne fosse a conoscenza”.

Il narratore deve cioè rendere credibile ogni suo personaggio: non può schierarsi, e proprio per questo, ma paradossalmente al contrario, racconta Pamuk, sempre nel suo precedente Neve è stato accusato di aver preso le parti del personaggio islamista, solo perché ne aveva scandagliato le ragioni. Ma, spiega l’autore, al romanziere tocca descrivere anche l’irrazionale e renderlo più che accessibile al lettore: credibile. La sua missione è confondere chi legge (alcuni la chiamano “suspension of disbelief”) e portarlo a un livello di indagine il più profonda possibile.

Al romanziere, dice, è permesso fare qualsiasi tipo di ipotesi sull’umanità, ma al contempo, lo scrittore deve cercare il senso di colpa dentro se stesso e indagare il mondo con la scrittura.

E scusate se è poco.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.