Un caso maledetto
0 1
Libri Moderni

Vichi, Marco

Un caso maledetto

Abstract: Gennaio 1970. Il commissario Bordelli in aprile andrà in pensione, dopo quasi un quarto di secolo in Pubblica Sicurezza, e ancora non sa cosa aspettarsi, non riesce a immaginare come accoglierà questo totale cambiamento. Ma per adesso è in servizio, e il tempo per riflettere e farsi troppe domande non c'è: in una via del centro di Firenze avviene un omicidio brutale. Sarà proprio quel crimine odioso il suo ultimo caso? Ma soprattutto, riuscirà a risolverlo? Lui e il giovane Piras, che nel frattempo è diventato vice commissario, lavorano a stretto contatto, spinti come ogni volta dal senso di giustizia, ma in questa occasione anche dalla intollerabile inutilità di quell'omicidio. Passano i mesi, arriva la primavera, la data del pensionamento si avvicina. La relazione del commissario con la bella Eleonora sembra essere sempre più solida. Non mancherà la cena a casa di Franco Bordelli, dove come d'abitudine ognuno racconterà una storia. Ma una mattina il commissario riceve una telefonata dalla questura... un altro omicidio?


Titolo e contributi: Un caso maledetto : un'avventura del commissario Bordelli / Marco Vichi

Pubblicazione: Milano : Guanda, ©2020

Descrizione fisica: 387 p. ; 22 cm

Serie: Narratori della fenice

ISBN: 9788823526303

EAN: 9788823526303

Data:2020

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Autore)

Soggetti:

Classi: 853.92 NARRATIVA ITALIANA. 2000- (0) Giallo (Mystery) <genere fiction> (0) Poliziesco <genere fiction> (0) Racconti seriali e saghe <genere fiction>

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2020
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 18 copie, di cui 17 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Santa Maria a Monte 853.914 VIC cas 0100-20524 Su scaffale Non disponibile
Lari na 853.92 VIC 8 0070-16336 In prestito
Capannoli 853.92 VIC 0060-7852 In prestito 18/03/2021
Cascina 853.92 VIC 0020-30461 In prestito
San Miniato, Mario Luzi NAD 853.91 VIC BOR XI SM038-61014 In prestito
Bientina 853.92 VIC 0230-10637 In prestito
Castellina Marittima 853.9 VICHM 3700 In prestito
Ponsacco 853.914 VIC CAS 0110-21183 In prestito 12/03/2021
Calci 853 VIC 5 0200-13621 In prestito 23/08/2021
Terricciola 853.92 VIC 0229-15715 In prestito 24/03/2021
Lorenzana Gialli/Thriller 853.92 VIC cas 0430-2609 In prestito 15/03/2021
Pisa SMS 850 VICH cas 0250-81660 In prestito 04/03/2021
Calcinaia 853.9 VIC CAL 0120-20322 In prestito 12/03/2021
Montopoli in Val d'Arno GIALLO VIC 0180-25293 In prestito 20/03/2021
Santa Luce 853.9 VICHM 0330-5239 In prestito 16/03/2021
Buti 853.92 VIC 0190-12843 In prestito 12/03/2021
Lajatico 853 VIC 0370-3418 In prestito 15/03/2021
Fauglia 853 VIC CAS 0860-10418 In prestito 20/03/2021
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

È un onore recensire per gli amici di Bibliolandia la nuovissima avventura del Commissario Bordelli, magistralmente creata dal suo autore, Marco Vichi, dal titolo “Un caso maledetto”, edito da Guanda e pubblicato pochissime settimane fa.

Ancora una volta, per nostra fortuna, Vichi ci ha donato un altro pezzo importante della lunga e bellissima serie di romanzi che ha come protagonista il Commissario di Pubblica Sicurezza di Firenze, Franco Bordelli, in una vicenda questa volta ambientata nel 1970.

Mancano, infatti, pochi mesi alla tanto spaventosa pensione e il Commissario Bordelli si trova a dover risolvere il difficile, terribile, atroce quanto inutile delitto di un anziano Conte, massacrato in casa sua senza nessun apparente motivo. Bordelli dovrà scendere a patti con la propria coscienza, dovrà frenare il suo Io più inquieto per assicurare alla giustizia chi si è macchiato di un delitto così mostruoso.

Nella sua indagine – e nella sua vita – sarà come al solito accompagnato dal fidato Piras, divenuto vicecommissario, dalla sua squadra della Questura di Firenze e, ovviamente, da quei personaggi che ci hanno accompagnato in tutti questi anni, quei vecchi amici che non vediamo l’ora di incontrare per una nuova storia.

Ad autori come Marco Vichi non servono presentazioni, essendosi imposto oramai sulla scena nazionale con i suoi romanzi ed avendo creato un personaggio caro ad un numero incredibile di lettori.

Quella di Bordelli è una serie fortunatissima, ma il pregio è senza dubbio dell’autore che ha saputo ideare, creare, modellare e far vivere un uomo sensazionale, un commissario caparbio, che ha colpito tutti i suoi lettori, li ha stretti in una morsa, perché Bordelli sa farsi amare.

Ciò che colpisce di questi romanzi è l’atmosfera ovattata dentro la quale sembra che tutto si svolga in perfetta armonia, in un volteggiare di personaggi, di storie, di sofferenze, che prendono e stravolgono il lettore.

È quella malinconia che strappa sorrisi amari, è quella passeggiata sui sampietrini a tarda sera, nella penombra dei vicoli di una Firenze che sta mutando, come tutto il Mondo attorno, e quella voglia di andare avanti nonostante il passato ci strattoni per farci voltare indietro.

Il noir italiano è rappresentato dalle pagine di Vichi proprio per l’aura che i suoi scritti posseggono naturalmente, chiedendo al lettore un semplice, piccolo sacrificio: basta sedersi comodi, magari con un sigaro e un bel bicchiere di vino di fronte al fuoco, e immergersi nel romanzo che ha la capacità di trasportarci nella Firenze del boom economico, nella vita di chi la Guerra l’ha fatta o l’ha vista, di chi l’ha vinta o l’ha persa, ma che certamente l’ha sofferta.

E poi, per chi è già estimatore della serie del commissario Bordelli, anche in quest’ultima opera si attende, con trepidazione, la solita cena del gruppo di amici di Bordelli, con Arcieri, col Botta, Diotivede, Dante, il buon Piras e altri. Quelle cene che già da sole valgono la lettura del libro, intrise di riflessioni, di vera interiorizzazione e che ispirano una profonda introspezione, commuovendo, toccando corde celate del cuore. Quelle cene a cui ognuno di noi vorrebbe poter partecipare, anche solo una volta nella vita, anche solo assaporarne la magia.

In questo romanzo, Marco Vichi riversa il suo consolidato mix vincente: da una parte la scrittura, vera scorrevole, toscanaccia e divertente e i personaggi straordinariamente caratterizzati che vanno e vengono nella vita del protagonista, dall’altra la sua innegabile capacità di raccontare e far raccontare storie, regalandoci per di più un caso particolarmente atroce da risolvere, che è il centro – e allo stesso tempo non lo è – di tutto il romanzo, poiché è sorretto da una struttura che lo impreziosisce, lo accoglie al suo interno rendendolo completo.

L’incantesimo dei romanzi di Vichi è dunque sceso nuovamente sulle nostra case, non resta altro che sedersi accanto al camino, versarsi un bicchiere di Balzini, accendersi un Toscano e innamorarsi ancora una volta delle avventure del commissario Bordelli.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.