Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Il pozzo - Regina Ezera

Un libro sul senso del dolore, del ricordo, del rancore. Storie che si intrecciano, solitudine e ineluttabilità della vita.

richiesta

come poter prenotare più dei 6 libri consentiti. Avere cioè una prenotazione aperta , a numero indeterminato e non limitata si 6 libri tenendo conto che in questo periodo di covid i libri devono giacere per più di 10 giorni per decontaminazione ed inoltre non sono sempre disponibili ma sono in prestito e pertanto bisogna attendere il proprio turno di prenotazione nel frattempo alti libri possono giacere inutilizzati e percio' disponibili alla lettura ma non prenotabili perchè c'è il vincolo numerico relativo alle possibili prenotazioni

R: Allegiant - Veronica Roth

A me divergent e insurgent mi sono piaciuti molto ma il finale di alleggiant mi ha un scatenato delle forti emozioni, cosa che non mi è capitata negli altri libri che ho letto
Della trilogia però mi è piaciuto di più divergent

Profondo rosso - [regia di] Dario Argento

L'ibridazione tra thriller ed horror qui è ancora fortemente ancorata al primo dei generi, ma la fantasia, il gusto dell'inquadratura, la morte resa spettacolo sono tutti ingredienti che hanno reso Profondo Rosso il "punctum" della filmografia argentiana.

Le Mille luci di New York

Uno spaccato anni '80 accattivante, decadente e ben narrato. Una versione più umanista e speranzosa degli anni '80 minimalisti, slabbrati e asimmetrici di Bret Easton Ellis.
Dal romanzo è stato tratto anche un misconosciuto film con Michael J.Fox, all'epoca volto imperante della cinematografia giovanlistica USA.

Il gattopardo - Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Libro di maniera, ma con molte riflessioni e spunti da meditare sulla storia della sicilia e dell'Italia. Per certi aspetti il testo rafforza un'idea pessimista del nostro paese e di certe sue aree. Per altro inventa un italiano/siciliano indolente che in parte non esiste. Per altri aspetti è un libro solo sul tempo che passa e che in realtà, diversamente da quello che dice l'autore, cambia tutto, cambia tutto continuamente. Il personaggio di Tancredi e Fabrizio sono più novecenteschi che ottocenteschi. O almeno questo è quello che mi pare. C'è un che di fumettistico nell'opera che è però assai ben congegnata e con frasi a slogan fatte per essere comunicate ed immagazzinate facilmente. Ho la sensazione di un testo bugiardo sulla Sicilia e sull'Italia. Ma di grande forza evocativa e narrativa. Tanto da rimanere un testo influente e destinato a durare. Il film di Visconti, di altissimo livello, ne rafforza la presa culturale sui potenziali lettori, con una vulgata dell'opera che ne accentua ancora di più il manierismo.

La cultura delle destre - Gabriele Turi

Libro interessante per uno sguardo sulle culture delle Destre italiane, ma forse un po' poco attento ai fenomeni portanti del fenomeno (penso a nazionalismo, ma anche all'antistatalismo, all' evoluzione del postfascismo, intreccio col liberalismo, ecc.). Un testo troppo centrato sul dibattito storiografico e troppo sulla contemporaneità rispetto agli elementi profondi della cultura egemonica delle destre. Mi riferisco agli elementi annidati nel profondo della società italiana.

Caro Pci - Luciano Ghelli

Lettura per vecchi comunisti nostalgici (ammesso che ce ne siamo rimasti in giro che hanno ancora voglia di leggere). E per giovani curiosi di capire un mondo che fu