Lorenzo Parlanti

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

R: Tredici - Jay Asher

Il libro 13 parla della storia dell’adolescente Clay Gensen, il quale rincasando un giorno, trova davanti al portone della sua abitazione una misteriosa scatola contenente 7 cassette. Il giovane non sa che starà per affrontare una delle esperienze più traumatiche della sua vita. Inizia ad ascoltarle e scopre ben presto che sono state registrate da Hannah Backer, la ragazza della quale Clay è sempre stato innamorato, la stessa che si è tolta la vita due settimane prima. Hannah ha registrato 13 storie, una per ogni persona che, in un modo o nell’altro, ha spinto la ragazza a suicidarsi.

Ho trovato questo libro piacevole, con una trama davvero intrigante che invoglia alla lettura. Un tipico racconto adolescenziale, una fase della vita in cui ogni piccolo inciampo può trasformarsi in un ostacolo insormontabile fino ad aggravarsi a dismisura. Lo consiglio a tutti poiché, a mio avviso, è adatto ad un pubblico di tutte le età. L’autore è stato bravissimo a creare momenti di suspanse con frasi ad effetto del tipo “ci sarò io questa volta? e perchè?".

Gli unici particolari dove il libro un po’ pecca sono la descrizione dei personaggi, poco veritieri e dotati di una sensibilità irrealistica. Per non parlare della protagonista femminile, con un carattere facilmente irritabile e gracile al tempo stesso. Un'altra cosa che non ho apprezzato sono stati i continui interventi di Clay. Mentre stavo cercando di seguire il discorso di Hannah, mi ritrovavo a leggere anche interventi sui pensieri e sui ricordi di Clay, che, a volte, rendevano la lettura avvincente, ma altre spezzavano proprio il filo del discorso rendendolo incomprensibile.

Ciò nonostante, è un bel libro per far riflettere i ragazzi sulle proprie azioni, e su come queste ultime possono influenzare la vita delle altre persone.

R: Io prima di te - Jojo Moyes

#YOUBOOK
Louisa è una ventiseienne bizzarra e stravagante che lavora come cameriera in un bar, ed è fidanzata da parecchi anni con un ragazzo molto preso dagliallenamenti, che lei sa di non amare più.
Un giorno, improvvisamente, la ragazza perde il lavoro ma riesce a farsi assumere presso una famiglia nella quale deve prendersi cura di Will, un giovane tetraplegico.
Con il tempo Louisa e Will si innamorano, fino a quando la ragazza scopre il motivo per cui era stata assunta: far cambiare idea a Will che stanco di stare su una sedia a rotelle senza godere più della vita, vuole trovare la morte.
Un romanzo che tocca argomenti forti come quello dell'eutanasia, un tema difficile e doloroso, che ha scatenato grandi questioni che fanno discutere il mondo, e che divide l'opinione pubblica in favorevoli e contrari.
Quest'ultima è per molte persone moralmente inaccettabile. Io penso che sia sbagliato ritenerla illecita a prescindere. In certi casi il paziente è destinato a soffrire senza alcun rimedio, costretto in un letto di ospedale incapace di far tutto, restando un peso e una sofferenza per la propria famiglia: questa è una vita non degna di essere vissuta. Chi si oppone a questo lo fa esclusivamente basandosi sui concetti religiosi, ovvero che Dio c'ha dato la vita e noi non siamo padroni per decidere di togliercela.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate