Il cuoco dell'Alcyon
0 1
Libri Moderni

Camilleri, Andrea - Camilleri, Andrea <1925->

Il cuoco dell'Alcyon

Abstract: Al commissariato di Vigàta sta succedendo qualcosa: Montalbano allontanato e costretto alle ferie, la sua squadra smantellata, in breve: qualcuno sta tentando di farlo fuori. Proprio in quei giorni arriva al porto l’Alcyon, una goletta un po’ misteriosa, nessun passeggero e pochi uomini di equipaggio. Un giallo d’azione, quasi una spy story dove si intrecciano agenti segreti, FBI e malavita locale. Situazioni più cruente che Montalbano saprà affrontare con sangue freddo e perspicacia; Adelina, Ingrid e Livia faranno la loro parte e il commissario, quasi irriconoscibile, finirà per stupire i suoi lettori.


Titolo e contributi: Il cuoco dell'Alcyon / Andrea Camilleri

Pubblicazione: Palermo : Sellerio, 2019

Descrizione fisica: 251 p. ; 17 cm

Serie: La memoria ; 1137

ISBN: 9788838939440

EAN: 9788838939440

Data:2019

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Autore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 853.914 Genere: Noir Genere: Poliziesco Noir <genere fiction> (0) Poliziesco <genere fiction> (0)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2019
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 19 copie, di cui 18 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Chianni 853.914 CAM 0130-6475 In prestito 03/10/2019
Cascina, BiblioCoop 853.92 CAM 0025- Su scaffale Non disponibile
Pontedera, Ospedale Lotti 800 CAM 34 0310 -5831 In prestito 12/10/2019
Cascina 853.9 CAM 0020-28769 In prestito 15/10/2019
Peccioli G 853.92 CAM 0210-6948 In prestito 08/10/2019
Vicopisano 853 CAM 68 0030-26171 In prestito 10/10/2019
San Miniato, Mario Luzi NAD 853.91 CAM MON XXVII SM038-58922 In prestito 21/10/2019
Pontedera, Giovanni Gronchi 853 CAM cuo 0010-77079 In prestito 07/10/2019
Lari na 853.914 CAMI 36 0070-15922 In prestito 14/10/2019
Pisa SMS 850 CAMI cuo 0250-80076 In prestito 19/10/2019
Lajatico 853 CAM 0370-3013 In prestito 10/10/2019
Calcinaia 853.9 CAM CAL 0120-19598 In prestito 02/09/2019
Capannoli 853.914 CAM 0060-7269 In prestito 26/01/2020
Cascina 853.9 CAM 0020-28902 In prestito 08/10/2019
Buti 853.92 CAM 0190-12312 In prestito
Santa Luce 853.9 CAMIA 0330-4865 In prestito 15/10/2019
Casciana Terme 853 CAMI 37 0080-10015 In prestito
Vecchiano 853.914 CAM cuo 0170-11400 In prestito
Pisa SMS BIBLIOCOOP 850 CAMI cuo 0250-80329 In prestito
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Tutto ha inizio con il ritrovamento del corpo di Spagnolo Carmine, che “arrinisciuto a trasire dintra al capannone”, ha posto termine alla sua vita impiccandosi. Lo stabilimento all’interno del quale ha luogo il decesso è quello della Trincanato, “n’a fabbrica di scafi che fino a dù anni avanti era ghiuta bona” impiegando oltre duecento persone. Poi, alla morte del vecchio proprietario l’attività era passata al figlio Giovanni, il quale aveva la testa soltanto per “il joco e le fìmmine”. Il padre questo lo sapeva bene e aveva tentato di estrometterlo dalla gestione (seppur mantenendovelo nominativamente), purtroppo non riuscendovi. Ma davvero le condizioni economiche della Trincanato erano così malmesse da richiedere una chiusura immediata e improvvisa senza soluzioni di continuità e/o alcuna altra chance se non quella del licenziamento in tronco di tutti i dipendenti e del fallimento?

Il primo approccio tra Salvo Montalbano e Giogiò è tutt’altro che positivo e a complicare le cose ci si mette l’arrivo di una goletta tutta bianca “che pariva na’ navi spitali, […] longa venticinco metri e larga quasi setti”, con il nome Alcyon “scrivuto a prua”, che ben presto risulta evidente essere collegata proprio a questo imprenditore di dubbia rettitudine morale.

Tuttavia, le sorprese per Montalbano non sono ancora finite perché proprio durante lo sciorinamento delle indagini, ecco che, da ordini superiori, viene messo a riposo immediato – per “ferie accumulate” – per dieci giorni. Raggiunta Livia in Liguria, ecco che quello che sembrava essere un semplice periodo di sospensione si tramuta in ben altro: Salvo infatti apprende che il suo non è un congedo temporaneo, che i suoi uomini sono stati trasferiti di punto in bianco in vari e diversificati distretti e con varie e diversificate mansioni e che di fatto il suo commissariato è stato smontato. Ma perché? È davvero così?

Che i suoi superiori abbiano studiato a tavolino un complotto per liberarsi di lui magari sfruttando una qualche sua reazione istintiva e imprudente a seguito dell’allontanamento forzato? O forse dietro la facciata c’è ben altro? Perché alla fine, se si fosse trattato davvero di una manovra a suo danno, il piano Bonetti-Alderighi non sarebbe stato reso pubblico… Cosa sta succedendo in verità? Qual è il ruolo delle picciotte? E cosa succede a bordo dell’Alcyon? E perché verso Giovanni Trincanato vengono prese delle misure così estreme?

Nato come soggetto per un film italo-americano, a cui poi è venuta a mancare la produzione e non quindi come romanzo, una decina di anni fa, “Il cuoco dell’Alcyon” vede tornare in scena il tanto – e meritato – amato Salvo Montalbano con Fazio, Augello, Catarella e tutti i membri più fidati della sua squadra per risolvere un caso tutt’altro che semplice e costruito sulla combinazione di più misteri e circostanze che vedranno la partecipazione anche di forze d’oltreoceano.

Il risultato è quello di un giallo diverso dai soliti Montalbano perché strutturato con caratteri tipicamente scenografici, e quindi non canonicamente letterari, ma che comunque conquista sin dalle prime pagine il lettore che è travolto dalle vicissitudini tanto da non riuscire a staccarsi dall’opera. È un flusso che come un campo magnetico impedisce di interrompere il leggere.

All’investigazione, inoltre, è possibile ravvisare tra le pagine anche le profonde riflessioni dell’autore che tramite i fatti narrati si interroga su quelle che sono le problematiche della società attuale, in particolare focalizzando l’attenzione su quella che è la realtà del mondo del lavoro.

Il tutto grazie ad una trama comunque solida, una penna magnetica e familiare, personaggi stratificati e l’indiscussa genialità di un Camilleri che non delude le aspettative.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.