La donna alla finestra
0 1
Materiale linguistico moderno

Finn, A. J.

La donna alla finestra

Abstract: Anna Fox vive rinchiusa nella sua casa di New York e la sola idea di mettere piede fuori dalla porta rischia di provocarle un attacco di panico. Passa le sue giornate vagando da una stanza all'altra con un bicchiere di Pinot in mano, chattando con uomini sconosciuti, guardando vecchi film noir - la sua passione - e soprattutto... spiando i vicini con l'aiuto della sua Nikon D5500. Nel mirino ora ci sono i Russell, che da poco si sono trasferiti nella villetta al lato opposto del parco. Una madre, un padre e un ragazzino adolescente: la famiglia perfetta, quella che Anna rivorrebbe con sé. Una notte però alla finestra dei Russell, Anna assiste a qualcosa di terribile, qualcosa di così sconvolgente che sgretolerà il suo fragile equilibrio e metterà a nudo la verità che ha sepolto per mesi. Ma il giorno dopo un dubbio spaventoso si insinua nella sua mente: la scena che ha visto è reale o frutto della sua immaginazione? Qualcuno è davvero in pericolo o a terrorizzarla è solo la sua paranoia?


Titolo e contributi: La donna alla finestra / A. J. Finn ; traduzione di Stefano Bortolussi

Pubblicazione: Milano : Mondadori, 2018

Descrizione fisica: 351 p. ; 21 cm

Serie: Omnibus

ISBN: 9788804686989

Data:2018

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.), Inglese (lingua dell'opera originale)

Paese: Italia

Serie: Omnibus

Nomi: (Traduttore)

Soggetti:

Classi: 813.6

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Target: adulti, generale
Contenuto (Area 0) (181)
  • Forma del contenuto: testo
  • Tipo di sensorialità: visivo
Mediazione (Area 0) (182)
  • Tipo di mediazione ISBD: unmediated
Supporto (Area 0) (183)
  • Chiave di collegamento: z01
  • Tipo di supporto: Senza mediazione - Volume
  • Sistema di codifica: RDAcarrier

Sono presenti 5 copie, di cui 4 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
San Miniato, Mario Luzi NAD 813.6 FIN DON SM038-57504 In prestito 06/10/2018
Pontedera, Giovanni Gronchi GIALLO 813.6 FIN don 0010-73528 In prestito
Terricciola 813.6 FIN 0220-10822 In prestito
Ponsacco 813.6 FIN DON 0110-18450 In prestito 29/10/2018
Calci 813.6 FIN DON 0 In ordine Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Respiriamo atmosfere un po' retrò, che rimandano ai vecchi film in bianco e nero, in questo thriller psicologico di A. J. Finn.

Anna Fox, stimata psicologa infantile, vive sola in una magnifica abitazione signorile ad Harlem, New York. E' separata dal marito e dalla figlioletta, Olivia. Anna soffre, da circa dieci mesi, di agorafobia, il terrore degli spazi aperti: questo la costringe a non uscire mai di casa. Trascorre le sue giornate bevendo molto merlot, giocando a scacchi online e... osservando tutto il vicinato grazie al teleobiettivo della sua macchina fotografica.

Siamo alla fine di ottobre quando nella villa davanti alla sua si trasferisce una nuova famiglia, i Russell, formata da un padre, una madre ed un figlio adolescente. Stranamente la solitudine di Anna viene scardinata sia dal ragazzo, Ethan, sia dalla madre, Jane, della famiglia Russell, che si presentano entrambi a casa sua, pur non insieme e per motivazioni diverse. La nostra protagonista prova subito un'innata simpatia per la stravagante Jane Russell e un moto d'affetto per il giovane Ethan, un vero e proprio “bravo ragazzo”.

Ma una sera Anna, affacciata alla finestra di camera sua, vede accadere qualcosa nel salotto dei Russel: di che cosa si tratta in realtà? Perché nessuno crede all'attendibilità di Anna?

Il ritmo della narrazione scorre piuttosto lento - ma che non influisce negativamente sulla lettura - fin oltre la metà del libro, per poi regalarci un finale inaspettato e molto coinvolgente. L'autore, tramite la voce narrante di Anna Fox, si sofferma sul dolore e sull'angoscia della protagonista, che cerca in ogni modo di “anestetizzarsi” con alcool e farmaci per non affrontare l'evento traumatico che l'ha resa agorafobica. Eppure Jane Russell era riuscita a scalfire la sua estrema solitudine: che cosa è successo a Jane? Anna dovrà far funzionare di nuovo bene gli ingranaggi arrugginiti della sua razionalità per riuscire a capirlo.

Siamo di fronte ad un thriller molto mentale, psicologico. Non ci sono particolari eccessivamente violenti. Il male può nascondersi dove non ci aspetteremmo e soprattutto, mai sottovalutare la potenza della mente, nel bene o nel male.

L'autore ha dichiarato di essere lui stesso, come del resto la protagonista del suo romanzo, un grande estimatore del cinema d'autore in bianco e nero ed in particolare del grande Hitchcock. L'opera quindi esplicita i modelli a cui l'autore si è ispirato: ne risulta un thriller sofisticato ed intrigante da cui sarà presto, pare, tratto un film.

«Eccezionale. Un thriller contemporaneo ma con un retrogusto da vecchio film noir» - Stephen King

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.