Pane
0 1
Libri Moderni

De_Giovanni, Maurizio

Pane

  • Copie totali: 23
  • A prestito: 4
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Quanta vita, quante vite. E quanto buon odore di pane, in città. Se non ci fosse anche il delitto. Quando un omicidio divide in due le forze di polizia, il gioco si fa davvero duro per i Bastardi, che per molti devono ancora dimostrare di esserlo davvero, dei bravi poliziotti. Da un lato ci sono loro, che seguono l’odore del pane. E del delitto. Ma dall’altra ci sono i tosti superdetective della Dda, che sentono odore di crimine organizzato. Mentre i sentimenti e le passioni di ogni personaggio si intrecciano con l’azione e determinano svolte sorprendenti, la città intera sembra trattenere il fiato. Per poi prendere voce.


Titolo e contributi: Pane : per i bastardi di Pizzofalcone / Maurizio De Giovanni

Pubblicazione: Torino : Einaudi, 2016

Descrizione fisica: 331 p. ; 22 cm.

ISBN: 9788806222314

EAN: 9788806222314

Data:2016

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Opera:
Altri titoli:
  • *Pane per i bastardi di Pizzofalcone

Nomi:

Classi: 853.92 (0)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2016

Sono presenti 23 copie, di cui 4 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
San Miniato, Mario Luzi NAD 853.92 DEG LOJ VI SM038-55334 In prestito 18/12/2017
San Giuliano Terme 853 DEG 18 0040-22361 Su scaffale Prestabile
Vicopisano 853 DEGI 21 0030-23689 Su scaffale Prestabile
Vicopisano 853 DEGI 21a 0030-23709 Su scaffale Prestito locale
Chianni 853.92 DEG 0130-5960 Su scaffale Prestabile
Crespina Narrativa adulti 853.92 DEG 0090-13249 Su scaffale Prestabile
Pontedera, Giovanni Gronchi GIALLO 853.92 DEG pan 0010-60311 In prestito 15/12/2017
Peccioli Mediateca CORR 3.A. DE_ PAN 0210-5656 Su scaffale Prestabile
Buti 853.92 DEG 0190-11268 Su scaffale Prestabile
Pontedera, Ospedale Lotti 800 DEGM 18 0310 -5086 Su scaffale Prestabile
Santa Maria a Monte 853.92 DEG 4 0100-17943 Su scaffale Prestabile
Pisa SMS 850 DEGI pan 0250-72320 In prestito 07/12/2017
Casciana Terme 853 DEG 4 0080-8576 Su scaffale Prestabile
Calcinaia 853.9 DEG CAL 0120-17346 Su scaffale Prestabile
Ponsacco 853.92 DEG 5 0110-16187 Su scaffale Prestabile
Capannoli 853.92 DEG 0060-6582 Su scaffale Prestabile
Lajatico 853 DEG 0370-2241 Su scaffale Prestabile
Palaia 853.92 DEG 1 0160-13473 Su scaffale Prestabile
Volterra 808.838 72 DEG 0150-17426 Su scaffale Prestabile
Calci 853 DEGM 14 0200-12220 In prestito 15/12/2017
Santa Luce 853.9 DEGIM 0330-3583 Su scaffale Prestabile
Pomarance 853.92 DEG 0140-10571 Su scaffale Prestabile
Pontedera, ITCG Fermi 853.92 DE G 9 2020-2811 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

"Pane (per i Bastardi di Pizzofalcone)" è l’ultimo libro edito da Maurizio De Giovanni, con protagonisti i Bastardi di Pizzofalcone. Chi sono i Bastardi? Sono uomini e donne capaci, abili, intelligenti, poliziotti "segnati", ovvero hanno tutti commesso errori o sono stati coinvolti in situazioni che li hanno pesantemente contraddistinti. E per punizione sono stati mandati dai superiori in un commissariato difficile, in odore di chiusura. Certi di poterli definitivamente sconfiggere. Ma ciò non accade: "i Bastardi" scoprono un perfetto gioco di squadra, frutto di abilità e di certe conoscenze in campo investigativo, e con lo stupore di tutti risolvono gli enigmi.
In questo caso la vittima è un panettiere, trovato morto di prima mattina fuori dal suo forno. Gli hanno sparato. Siccome qualche anno prima era stato testimone di giustizia in un processo di mafia, per poi ritrattare, immediatamente si tenta di rubricarlo come omicidio, frutto di una vendetta mafiosa. Interviene l’Antimafia; ma l’ispettore Lojacono si accorge subito di alcune incongruenze con le caratteristiche tipiche di questi tipi di uccisione. E allora: "Buona caccia, Bastardi! Aragona si illuminò. Buona caccia, Bastardi. Madò! Quanto mi piace!”. Parallelamente si apre un’altra inchiesta: una denuncia per stalking sottoscritta da uno studente universitario nei confronti della sua ex fidanzata. Ma anche qui qualcosa non torna perchè quest’ultima è bellissima, mentre lui..."
Sullo sfondo le meraviglie della città partenopea.
Chi legge per la prima volta questa serie, iniziata nel 2013, nota che ogni storia è conclusiva, con alcuni fili narrativi che percorrono l’intera sequela. Esiste sempre un prologo favolistico, un corpo centrale, e uno finale. Qui il primo è la storia del Principe dell’Alba che il panettiere racconta al nipote Totò, a cui è assegnato l’onore di tenere vivo il lievito madre. Il cuore è una sorta di epifania: una carrellata di chi non ha il pane; e il finale svela che i napoletani confessano i propri crimini la domenica, e non confesso oltre. "La domenica è senza pane. La domenica i forni rimangono chiusi, e se volete pane fresco dovete procurarvelo da un’altra parte, ma non sarà lo stesso. Non succede mai niente di domenica; ma se qualcosa succede, è in modo imprevisto".
Al di sopra di tutto ciò, l’amore, in tutte le sue sfaccettature e dimensioni. L’amore è una costante mascherata di tutto il romanzo, lo percorre interamente, in lungo e in largo. L’amore malato dello stalking, l’amore al di là dei pregiudizi e delle convenzioni. L’amore frutto di continui turbamenti e conflitti negli animi dei protagonisti. L’amore per la persona amata, perseguito fino all’ultimo istante, cercato e trovato in ogni modo e momento, che non si cura di nulla e di nessuno.
Una lettura pregnante, intrigante, molto commovente a tratti.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.