Community » Forum » Recensioni

Il Dio del deserto
0 1
Smith, Wilbur

Il Dio del deserto

Milano : Longanesi, 2014

Abstract: Taita il mago. Il medico. Il poeta, il consigliere intimo del faraone Mamose e poi del figlio, Tamose. Taita, l'uomo che regge nell'ombra le sorti dell'Egitto. Non c'è pace per lui, tanto più ora che ha avuto anche l'arduo compito di occuparsi, come tutore e mentore, delle due vivaci figlie dell'amata regina Lostris. Tehuti e Bakatha, così intelligenti, passionali e così uguali alla madre, di cui Taita è stato amante spirituale e di cui ha raccolto le ultime parole sul letto di morte. A complicare la non facile situazione si aggiungono gli affari di stato e la minaccia degli Hyksos. Che hanno ormai invaso il delta del Nilo. Costringendo il faraone a ritirarsi nel sud del paese. Per tentare di scacciarli Taita dovrà chiedere l'appoggio del re di Creta, il potente Minosse. Ma ogni alleanza vuole un pegno in cambio. E il pegno è un sacrificio estremo per Taita. A malincuore parte su una flotta diretta a Creta, che porta in dono a Minosse due vergini, Tehuti e Bakatha. Ma le due giovani, più inclini alle regole del cuore che alla ragion di stato, si innamorano del luogotenente di Taita e di un soldato della flotta e il sacerdote teme che le trattative con Minosse possano saltare. Tra mille peripezie, avventure e visite a luoghi esotici e pieni di meraviglie, come Babilonia e Sidone, Taita riesce finalmente a sbarcare a Creta. Ma minacce ancora più imponenti incombono sul suo destino...

46 Visite, 1 Messaggi
Davide Ricci
264 posts

Lo scorso autunno ha portato molte, interessanti novità nel mondo editoriale, tra le quali il nuovo successo di Wilbur Smith "Il Dio del deserto", sequel del famoso romanzo "Il Dio del fiume".

Il romanzo è ambientato anni dopo: il regno degli antichi ed epici faraoni è caduto e, mentre gli invasori Hyksos padroneggiano le zone del nord, il faraone Mamose VIII cerca di resistere presso le valli del sud nella speranza di poter un giorno riunire la sua terra e sedere finalmente sul trono dei suoi antenati.

L’unico uomo in grado di aiutare Mamose nelle sue ambizioni è Taita, il saggio e anziano consigliere del Re, già protagonista del precedente capitolo della storia.

Taita si rivelerà l’unico in grado di poter cambiare le sorti dell’antico Egitto e dovrà farlo conciliando il suo ruolo di mentore e tutore delle due intelligenti, tenaci e briose figlie dell’amata regina Lostris, della quale è stato amante spirituale: Tehuti e Bakatha.

Attraverso un ingegnoso stratagemma, Taita riesce a gettare il regno degli Hyksos nel caos, cercando di creare la situazione adatta, per gli abitanti della valle del Nilo, di riprendersi la loro terra, ma purtroppo l’elevato numero delle forze nemiche ha la meglio e impedisce l’ardua impresa.

Taita allora cercherà di giocarsi l’ultima possibilità di risolvere la difficile situazione, stringendo un’alleanza con il più ricco e potente sovrano regnante: Minosse di Creta, purtroppo famoso per la sua temibile crudeltà; ma il problema sarà un altro: cosa potrà mai offrirgli Taita al fine di siglare la loro alleanza?

La risposta la conosce già: l’unica cosa che manca ad un sovrano così potente è avere in moglie l’essere vivente più bello al mondo…

Un libro dalla trama per nulla scontata o banale, scritto con uno stile frenetico e fresco che certamente non annoierà nemmeno i lettori più esigenti.

L’intera storia è presentata attraverso gli occhi del protagonista, Taita, del quale arriveremo a conoscere ogni più intimo pensiero e che permetterà ai lettori di conoscere, nel più profondo, le singole sfaccettature di ogni singolo personaggio.

Ma Smith non si ferma solo a questo; infatti Il periodo storico presentato al lettore, quello della dominazione Hyksos avvenuto durante la seconda grande era dell’Egitto, viene presentato con grande maestria ed accuratezza.

Le ricostruzioni dei paesaggi, dei costumi e degli ambienti nei quali le vicende si evolvono sono state curate in modo impeccabile.

Finalmente il ritorno di un grande autore che, alla veneranda età di ottanta anni, ancora non finisce di regalarci impareggiabili emozioni che esplodono dalla sua vivace e avventurosa penna; Wilbur ha la capacità di farci viaggiare con la fantasia, di accompagnarci, riga dopo riga, in terre lontane a vivere spettacolari avventure in compagnia dei protagonisti dei suoi libri che, irrimediabilmente diventeranno i nostri eroi

Se amate i misteri che circondano l’antico Egitto non potete assolutamente perdervi questo splendido e avventuroso romanzo.

  • «
  • 1
  • »

2468 Messaggi in 2131 Discussioni di 344 utenti

Attualmente online: Ci sono 7 utenti online