Community » Forum » Recensioni

Mio papà scrive la guerra
0 1
Garlando, Luigi

Mio papà scrive la guerra

Casale Monferrato : Piemme, 2005

Abstract: La notte del 20 dicembre Ludovico Cerruti, inviato speciale in Afghanistan, viene sequestrato sulla strada che va da Jalalabad a Kabul insieme ad altri tre giornalisti di guerra. Suo figlio Tommaso lo viene a sapere dalla televisione, mentre sta cenando in cucina con la mamma. Da quel momento inizia un fitto scambio di lettere che attendono il momento in cui potranno essere consegnate di persona: da una parte quelle di Ludovico, scritte con un mozzicone di matita sul suo taccuino sfuggito ai controlli dei soldati, dall'altra quelle di Tommi, scritte ogni sera con la vecchia macchina da scrivere di papà. Le lucide e coraggiose parole di Ludovico si alternano così ai racconti della vita di tutti i giorni del figlio.

9 Visite, 1 Messaggi

I racconti di Garlando con un forte impegno civile meritano sempre e comunque di essere letti. Sono un modo esplicito di narrare ai bambini e ai ragazzi i dolori, le difficoltà e le tragedie del mondo. Per capirle ed esorcizzarle. Ma, diciamocelo, quella che conosciamo come letteratura per ragazzi ha sempre fatto questo. A volte però il perseguimento del fine inceppa un po' il racconto e la storia. Nel caso del "Mio papà.." sembra di avvertire questo inceppamento. Ma lo sforzo per raccontare temi difficili (come l'assurdità delle guerre e l'ossessione di raccontarle in presa diretta) è largamente meritorio e valido. E merita di correre il rischio dell'efficacia narrativa.

  • «
  • 1
  • »

2303 Messaggi in 1974 Discussioni di 337 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.