Community » Forum » Recensioni

La casa di vetro
0 1
Vlahos, Len

La casa di vetro

Milano : Piemme, 2017

69 Visite, 1 Messaggi
Davide Ricci
290 posts

La storia ha inizio dalla fine. O almeno dalla fine della felice vita di Jared. Jackie aspetta il giovedì tutta la settimana per avere il giorno in cui suo padre è tutto per lei, ma lui è ritardo. E lui non è mai in ritardo. Il dottore annuncia che Jared ha una brutta malattia, un glioblastoma multiforme primario, ovvero un tumore sta mangiando il suo cervello lentamente e la cosa è irreversibile. Così, dopo aver visto un annuncio su Ebay, l’uomo rimane folgorato da un’idea malsana e vende se stesso all’asta – o meglio ciò che gli resta da vivere – al migliore offerente per poter garantire alla sua famiglia dei soldi che non hanno.

Da qui ha inizio una vera e propria gara a chi offre di più e conosceremo diversi personaggi che faranno da dettagli in un quadro di una vastità più grande di ciò che si riesca ad immaginare. E’ così la sua vita e la sua malattia finiscono in un Reality Show, Vivere o Morire, in cui tutti saranno coinvolti.

Cosa succederà alla famiglia di Jared? Cosa faranno gli altri contendenti all’asta? Cosa farà sua figlia Jackie per cercare di salvare la dignità di suo padre?

"Alt. Papà sta morendo?» chiese Jackie alla fine. Megan annuì e scoppiò in lacrime. Si strinse a Jackie, singhiozzandole sul petto. Jackie era troppo sconvolta per reagire. Ma piangere è come sbadigliare: quando uno comincia l’altro non può fare altro che seguirlo".

Jared Stone è un uomo di successo che improvvisamente scopre di avere un glioblastoma nel cervello, ormai diffuso e senza possibilità di scampo.
E' ormai da tempo che Glio ha preso residenza dentro di lui e ha affondato le sue radici talmente in profondità che in men che non si dica, annullerà tutto ciò che rappresenta Jared.
L'unica cosa che i medici possono fare è rendergli più sopportabili i suoi ultimi mesi di vita.
Jared è disperato, non sa come dare la notizia a sua moglie e alle sue figlie e soprattutto non sa come provvedere alla lora vita, una volta che se ne sarà andato.
In un attimo di pazzia, decide quindi di mettere la sua vita in vendita in modo da avere una fine onorevole, senza sofferenze e senza essere un peso per i suoi cari e allo stesso tempo è un modo per provvedere alla sua famiglia.

Sono tanti ad essere interessanti alla sua vita: chi per provare come sarebbe eliminare un altro essere umano, chi perchè vorrebbe salvare la sua anima e chi come Ethan che vuole usare come protagonista di un programma televisivo.
Ethan infatti si occupa di eliminare la concorrenza e investe ben cinque milioni di dollari a Jared, facendogli firmare un accordo secondo il quale la fine della sua vita diventerà un reality show.
Dopo che Megan e Jackie sono riuscite ad accettare a malapena la morte sempre più vicina del padre, improvvisamente si ritrovano come protagoniste di un assurdo show che mette in mostra il loro dolore e soprattutto le loro vite private.
Sebbene inizialmente tutto sembri filare liscio, Jackie si accorge fin da subito della falsità di Ethan e di quanta manipolazione ci sia dietro tutto quello che va in onda.

Da protagonista dello show, Jackie diventa prigioniera in casa sua, dove è totalmente priva di privacy ma è anche terribilmente preoccupata per le condizioni del padre e per la sua dignità.
L'accordo firmato da Jared infatti è vincolante e finchè sarà in vita, le telecamere non abbandoneranno la famiglia Stone.
Megan sembra semplicemente estasiata di essere al centro dell'attenzione e approfitta di ogni momento per essere sicura di andare in onda.
Jackie invece capisce ben presto che se vuole chiudere questo circo mediatico deve fare qualcosa, deve mostrare la verità al mondo su come la televisione sia ingannevole e mostri solo quello che gli fa comodo far vedere.
Nel frattempo le condizioni di Jared continuano a peggiorare e l'unica cosa che l'uomo vorrebbe è morire mentre è ancora lui stesso e non essere un peso per la famiglia.
Ora tocca alla moglie Deidre portare il peso della famiglia sulle sue spalle e ci sono decisione drastiche che la attendono.

"La casa di vetro" dalla trama sembra un young adult intrigante ma all'apparenza semplice, invece una volta iniziato a leggere si scopre che contiene tanto di più.
Una delle tematiche che Len Vlahos è l'eutanasia.
Il protagonista infatti, dopo aver capito che non avrà molto da vivere e quel poco che gli resta lo annullerà del tutto, continua a pensare a come sarebbe se potesse decidere di andarsene secondo i suoi termini, ancora in grado di intendere e di volere e ancora se stesso.
Non un peso per la sua famiglia, non un lontano ricordo di quello che era ma semplicemente se stesso.
E' un argomento assai spinoso che divide nettamente la linea di pensiero tra chi è favorevole e chi è contrario.
E' difficile tuttavia sapere a priori cosa è giusto e cosa è sbagliato, bisognerebbe trovarsi nella situazione per capire davvero quello che si prova.

Il romanzo viene narrato da molteplici punti di vista e in primis abbiamo Jared e la sua famiglia, abbiamo Ethan e la troupe televisiva ma anche un protagonista non indifferente: Glio, il tumore di Jared.
Anche lui è un protagonista ed è a causa sua che tutto inizia, ma è stato assolutamente interessante leggere come funzionava il suo modo di ragionare e come il tumore affondasse sempre di più le sue radici in Jared e diventasse a tutti gli effetti lui, annullandolo completamente.
Uno dei personaggi che più mi è piaciuto e mi ha convinto è stata Jackie, la sorella maggiore tremendamente legata al padre che non riesce ad accettare la sua morte ormai vicina e soprattutto di doverla condividere con milioni di telespettatori che vedono solo una menzogna e non quello che succede davvero.
Jackie è determinata a dimostrare la verità e non è disposta ad abbassare la cresta per ottenere quello che vuole: solo la giusta privacy per piangere in pace il proprio padre.

"La casa di vetro" di Len Vlahos è un young adult diverso dai soliti ai quali siamo abituati.
L'autore riesce a far emozionare i suoi lettori, a sorprenderli e soprattutto a farli riflettere sulla vita e su come è degna di essere vissuta ma soprattutto se è giusto finirla quando si ha ancora un po' di dignità rimasta.
E' stato un romanzo inaspettato che potrebbe avere ancora qualcosa da dire.
Io ve lo consiglio assolutamente e spero di leggere ancora qualcosa di questo autore perchè merita davvero tanto.

  • «
  • 1
  • »

2505 Messaggi in 2167 Discussioni di 344 utenti

Attualmente online: Ci sono 5 utenti online