Community » Forum » Recensioni

Cemento rosso
0 1
Marrucci, Giuliano

Cemento rosso

Milano : Mimesis, 2017

Abstract: Ancora nel 1978, all'alba della lunga stagione di apertura e riforme economiche, la Cina era quasi esclusivamente un paese agricolo, con l'80% della popolazione insediata nelle aree rurali. I cinesi che vivevano in città erano appena 172 milioni, meno del 20% della popolazione totale. Meno di 40 anni dopo sono diventati il 56%, circa 770 milioni di persone. È il più grande e rapido processo di urbanizzazione della storia dell'umanità, il singolo fenomeno che più di ogni altro caratterizzerà questo periodo storico nei manuali di storia dei secoli a venire. In questo libro-inchiesta, Giuliano Marrucci, da oltre 10 anni tra gli autori della trasmissione di Rai Tre "Report", ricostruisce le tappe fondamentali di questa storia epica, e cerca di tracciare le coordinate principali di quel "modello cinese" che l'ha resa possibile. Un modello dove, mentre in occidente si andava affermando il dogma dell'austerità, si consolidava il ruolo degli investimenti pubblici in infrastrutture come volano dello sviluppo, e che oggi si trova ad affrontare i nodi giganteschi emersi da 40 anni di sviluppo vorticoso: dalla questione ambientale, all'esplosione delle diseguaglianze. Dalla capacità di trovare una risposta "con caratteristiche cinesi" a questi quesiti dipende una bella fetta del destino dell'umanità tutta.

36 Visite, 1 Messaggi

Testo denso ed interessante per capire come l'industria del "mattone cinese" (con le sue complesse articolazioni collegate alla proprietà pubblica della terra) abbia sostenuto e sostenga l'infinito boom dell'economia cinese.
Numeri e situazioni impressionanti per dimensione e mole. Irripetibili (per fortuna) in Occidente. Certo l'urbanizzazione di 500 milioni di persone in trent'anni è di gran lunga il più complesso sconvolgimento sociale della storia dell'umanità (almeno per quello che se ne sa). E il fatto che si avvenuto tutto sommato in forma "controllata" appare "quasi" un miracolo. Ovviamente la "diversità" cinese costituisce un fattore importante di questa trasformazione/transizione pacifica. E sulla natura di questa "diversità" c'è ancora molto da dire e da capire: almeno in Occidente.

  • «
  • 1
  • »

2306 Messaggi in 1977 Discussioni di 337 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online