Community » Forum » Recensioni

Gli ultimi giorni dei nostri padri
0 1
Dicker, Joel

Gli ultimi giorni dei nostri padri

[Milano] : Romanzo Bompiani, 2017

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
27 Visite, 1 Messaggi
Davide Ricci
60 posts

Durante la seconda guerra mondiale molti giovani sono costretti ad abbandonare le loro famiglie e i loro progetti per combattere. Paul Emile, per gli amici Pal, lascia l’anziano padre a Parigi e viene reclutato dai servizi segreti britannici: insieme ad altri ragazzi come lui dovrà sottoporsi a un duro addestramento prima di svolgere missioni ufficiali in Francia, con lo scopo di aiutare la Resistenza contro i tedeschi. L’addestramento si svolge nel sud dell’Inghilterra e in Scozia ed è massacrante, tanto che alcuni giovani non riescono a completarlo.

Pal fa parte di un gruppo che con il tempo diventa la sua nuova famiglia: c’è Gros, ingenuo e affettuoso, Claude, al quale la guerra ha impedito l’ingresso in seminario, Stanislas, che è il più anziano e si sente un po’ il padre di tutti. L’unica donna è Laura, ragazza inglese di buona famiglia, che porta una ventata di dolcezza tra gli orrori della guerra: lei e Pal si innamorano e cercano di portare il loro sentimento sano e salvo alla fine del conflitto, essendo costretti a separarsi per lunghi periodi durante le missioni francesi. Ognuno di loro ha bisogno di aggrapparsi a qualcosa, anche fosse solo un fiore cresciuto in mezzo alla neve, per superare lo strappo dalla vita precedente, la totale incertezza sul futuro, la paura concreta di morire: è importante, quando si è in condizioni disperate, avere qualcosa per cui sopravvivere.

Oltre a fornirci elementi di carattere storico, Joël Dicker in questo romanzo si concentra sull’animo umano e sulle sue sfumature: in primo piano troviamo Pal, che si colpevolizza per aver lasciato solo il padre e per non potergli fare avere sue notizie secondo le regole dei servizi segreti; l’anziano signore aspetta ogni giorno il ritorno del figlio, non chiude più la porta di casa perché Pal possa entrare in qualsiasi momento. Vi sono scene, come quella del padre che prepara la sacca da viaggio per il figlio, che suscitano il pianto e trovo che Dicker sia straordinario nel sollevare emozioni in modo così genuino.

Un’altra figura significativa è il tedesco Kunszer, di stanza a Parigi all’hotel Lutetia: è un nemico, quindi dovrebbe essere determinato e spietato; in realtà ha perso l’amata nel bombardamento di Amburgo, è fragile e insicuro riguardo alle sorti della guerra e forse non gli importa gran che di vincere, tanto ormai la sua vita e l’umanità intera sono irrimediabilmente devastate. La premura che manifesta nei confronti del vecchio padre di Pal è un’altra delle vette che Dicker raggiunge nel parlarci dell’Uomo. Egli infatti non parla di buoni e cattivi, di alleati e nemici: parla di Uomini che, di qualunque fazione facciano parte, si ritrovano costretti a compiere azioni abominevoli, disumane. Sono Uomini che non si sentono più tali, smarriti davanti a ciò di cui l’Uomo è capace.

"Gli ultimi giorni dei nostri padri" è un grande romanzo e merita di essere letto anche da chi non è appassionato di storia perché di fatto non è la storia che ci racconta, ma gli Uomini che l’hanno fatta.

  • «
  • 1
  • »

2120 Messaggi in 1806 Discussioni di 331 utenti

Attualmente online: Ci sono 11 utenti online